L’inchiesta – La Jihad nella campagna calabrese *

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Addestramento all’uso delle armi, divulgazione di documenti inneggianti alla Jihad globale e istruzioni su come costruire bombe. Queste le accuse per i 3 immigrati di nazionalità marocchina arrestati dalla polizia nel catanzarese. L’operazione è stata coordinata anche con la Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma perché gli indagati dalla rete internet scaricavano informazioni sulla costruzione di armi ed esplosivi, e fornivano anche indicazioni sui sistemi per rendere sicure le comunicazioni sul web, che avrebbero contenuto messaggi finalizzati al terrorismo.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi