Centrali nucleari in Svizzera, compresse di iodio alla popolazione

pillole

Tutte le persone che vivono in un perimetro di 50 km attorno ai cinque reattori nucleari della Svizzera, a partire dall’autunno riceveranno compresse di iodio. La fattura sarà a carico dei gestori degli impianti nucleari svizzeri.

Le compresse di iodio saranno distribuite per una funzione preventiva, a seguito di un’ordinanza adottata mercoledì dal Consiglio federale. Sino ad oggi la misura riguardava unicamente le persone che vivono fino a 20 km attorno alle centrali nucleari.

La distribuzione delle compresse inizierà in autunno, attraverso i servizi postali e ogni persona riceverà una scatola con 12 compresse. Il costo dell’operazione, circa 300 milioni di franchi, è interamente a carico dai gestori delle centrali nucleari.

Le compresse di iodio, se prese nel giusto tempo dopo un incidente nucleare, impediscono allo iodio radioattivo emesso e assorbito dall’organismo di accumularsi nella tiroide.

svizzera_nucleare

fonte

Leggi anche:

Francia, il mistero dei bambini nati senza braccia e senza mani

L’agenesia trasversa degli arti superiori riguarda 150 nascite all’anno in Francia...

Lo schifo nucleare

Tra i veri pericoli quello delle scorie nucleari è certamente la conseguenza che più preoccupa.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi