Alla corte dello zar – Pietro Antonio Rotari





30/04/2012

Pietro Rotari (Verona, 1707 – San Pietroburgo, 1762) nacque da una famiglia nobile, il conte Rotari frequentò dapprima l’incisore Robert van Auden Aerd (giunto a Verona al seguito del mecenate e vescovo Francesco Barbarigo), per poi passare nella scuola del pittore veronese Antonio Balestra. Il suo percorso lo porta lontano, alla corte dello zar a San Pietroburgo. Forse per questo i suoi dipinti -nonostante fossero soggetti comuni a quel tempo- non ritraggono quasi mai santi o scene bibliche, ma soprattutto belle dame e donne comuni. La gamma dei colori della sua tavolozza è essenziale: fa uso di varie tonalità di grigi, marroni tenui, verde oliva, rosa e neri, e il bianco per le lumeggiature, le perle e i merletti.




Leggi anche:

Le geometrie del corpo – Euan Uglow

🔊 Leggi questo post 21/05/2013 Euan Ernest Richard Uglow (10 marzo 1932-31 agosto 2000) è …

Donne che dipingono donne – Ruth Shively

🔊 Leggi questo post 20/05/2013 Ruth Shively è originaria del Nebraska, ma attualmente lavora e …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi