Cosmo – Cosa succede dopo aver scaricato lo sciacquone?





“COSMO” SPIEGA LE FOGNE, DA PROBLEMA SANITARIO A RISORSA ECONOMICA.

È “il grande bisogno”, ma può diventare la grande e insospettabile risorsa. Solo in Italia si producono più di due milioni di tonnellate di feci umane, mentre nel mondo oltre due miliardi e mezzo di persone non hanno servizi igienici. Domenica 6 maggio a “Cosmo”, un programma ideato da Gregorio Paolini e condotto da Barbara Serra, in onda alle ore 23,45 circa su Rai3, si parla di un argomento spesso considerato innominabile: cosa succede ai nostri rifiuti una volta tirato lo scarico del bagno? Eppure gestire e riutilizzare gli escrementi potrebbe essere una fonte di ricchezza, oltre che di salute.

Dall’oro nero alle bandiere blu. In Italia i depuratori e gli impianti fognari funzionano? E quando questo non avviene quali sono le conseguenze per l’ambiente? E per i nostri mari? Un documentario realizzato dai videomaker di Cosmo ha ricostruito il percorso di una delle fognature più importanti d’Italia, su cui gravano i rifiuti di milioni di abitanti: Napoli. Quali sono i rischi quando le fogne non funzionano? E quando non esistono del tutto? Dalla Svezia all’India agli Stati Uniti, Cosmo ha attraversato i continenti per scoprire come da problema sanitario le fogne possano diventare una risorsa economica.

In studio con la giornalista Barbara Serra ne discuteranno ospiti ed esperti: Sebastiano Venneri, vicepresidente e responsabile mare della Legambiente, Claudio Lubello, docente di ingegneria ambientale all’università di Firenze, Matteo Vitale, docente presso il Dipartimento di Sanità pubblica e malattie infettive dell’università La Sapienza di Roma, Gianni Andreottola, docente di Ingegneria ambientale all’università di Trento.

fonte




Leggi anche:

Vaccini e sistema immunitario for nibbies

Nella realtà clinica non esiste -per nessun vaccino- una statistica sugli insuccessi: esiste solo il fallimento vaccinale...

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi