Nessun compromesso – Ebook gratis





http___ilsub.files.wordpress

“Non posso dirvi dove mi trovo adesso. Ho spento il cellulare e staccato la batteria. La polizia mi cerca, e anche quelli della banda. Fa niente. Io non torno indietro. Nessun compromesso”.

Un’imprecisata città industriale. Cinque ragazzi danno vita a un gruppo animalista: NoCompromise. Un romanzo tra spinte ideali e quotidiana violenza dove la realtà è sempre diversa dai sogni dei protagonisti.

Strenna di quasi Natale.

Un romanzo da scaricare gratis grazie a Massimiliano Di Giorgio, giornalista.

Ha pubblicato alcuni racconti di genere sul sito Carmillonline.com. Il suo blog è all’indirizzo ilsub.wordpress.com.

Proprio con una versione di questo “Nessun compromesso” esordiva nel 2006 dimostrando la sua attenzione alla blogosfera ed alle potenzialità della rete sull’immaginario collettivo.

Infatti, è il primo romanzo epistolare dei tempi di internet, probabilmente, costruito con le e-mail di un fuggiasco. Noir animalista, potremmo dire, se ci riferiamo alla trama.

Scaricare, leggere e magari commentare da noi.

«Ci pensavo da diverso tempo, e in questi giorni ci ho messo le mani», dice Di Giorgio. Qui potete scaricare gratuitamente un libro elettronico in formato pdf. Si tratta di un romanzo, Nessun Compromesso, che ho scritto tra il 2004 e il 2006, anche se avevo cominciato a pensarci e a raccogliere materiale per poterlo scrivere alcuni anni prima. E’ anche l’unica versione ebook. Potete scaricarlo e leggerlo sia su un tablet che su un pc. Spero di non aver fatto troppi danni, impaginandolo. Riguardandolo sul mio Kindle mi sembra tutto a posto. Anche se, essendo un pdf, non è totalmente interattivo come un epub un mobi o altri formati (anzi, se qualcuno sa come posso fare a creare versioni diverse, si faccia vivo).

 

 




Leggi anche:

Guarda oltre ciò che vedi

Pensi solo a quella cosa li, Ti addormenti, quando ce la fai, e ti risvegli con quel chiodo fisso, praticamente un incubo.

Bianca e la libertà

... perdonate tutti noi, babbi e mamme che continuano a gridare quella parola LIBERTÀ.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi