Centrali nucleari in Svizzera, compresse di iodio alla popolazione





pillole

Tutte le persone che vivono in un perimetro di 50 km attorno ai cinque reattori nucleari della Svizzera, a partire dall’autunno riceveranno compresse di iodio. La fattura sarà a carico dei gestori degli impianti nucleari svizzeri.

Le compresse di iodio saranno distribuite per una funzione preventiva, a seguito di un’ordinanza adottata mercoledì dal Consiglio federale. Sino ad oggi la misura riguardava unicamente le persone che vivono fino a 20 km attorno alle centrali nucleari.

La distribuzione delle compresse inizierà in autunno, attraverso i servizi postali e ogni persona riceverà una scatola con 12 compresse. Il costo dell’operazione, circa 300 milioni di franchi, è interamente a carico dai gestori delle centrali nucleari.

Le compresse di iodio, se prese nel giusto tempo dopo un incidente nucleare, impediscono allo iodio radioattivo emesso e assorbito dall’organismo di accumularsi nella tiroide.

svizzera_nucleare

fonte




Leggi anche:

L’epidemia vera non è quella per cui vendono i vaccini!

La differenza sta nella nostra libertà: ancora possiamo reagire, parlare, lottare, contrastare questi poteri. E abbiamo il dovere di farlo.

Una mamma vegana alla sua bambina

Il tuo impatto ambientale sarà molto più leggero su questa fragile terra.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi