C’era una volta – Vorrei essere un aquilone





06/09/2010

Le Filippine sono il paese più cattolico dell’Asia ed il più grande alleato americano nell’area in funzione anticinese. Colonizzate prima dagli spagnoli, poi dagli Usa hanno pagato con un milione di morti la propria lotta per un’indipendenza che si è rivelata troppo spesso condizionata dalle politiche statunitensi.
Al potere si sono succedute elite corrotte ed inefficienti, il paese non ha conosciuto alcuna riforma e nelle sue campagne regna un vero e proprio feudalesimo.
Il sogno di tutti è fuggire. Folle di disperati gonfiano migliaia di baraccopoli nella capitale Manila e decine di migliaia di giovanissime rischiano la propria vita vittime dei traffici legati all’emigrazione illegale. Intanto cresce il fenomeno dei bambini di strada, della prostituzione infantile e della pedopornografia.

 




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi