L’inchiesta – Fino all’ultima goccia





La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


L’acqua sarà la causa della prossima crisi globale. Una bomba ad orologeria innescata che ben prima del petrolio e di una nuova impennata dei prezzi delle materie agricole, potrebbe deflagrare nel futuro prossimo. E’ questo l’allarme a meno di due mesi dal Forum Mondiale sull’acqua che si terrà in Turchia dal 16 al 22 marzo. Secondo la Fao, nel mondo 1,1 miliardi di persone non hanno accesso sufficiente a fonti d’acqua pulita e 2,6 miliardi non dispongono di servizi igienici adeguati.

Il problema della desertificazione, inoltre, preoccupa, sempre piu’. Ecco perche’, secondo l’ONU, e’ necessario un cambio di rotta eliminando gli sprechi individuali e collettivi.

La questione dell’acqua è destinata dunque a diventare un tema centrale perché la pressione demografica si farà sempre più forte. Cosi come lo sfruttamento delle risorse idriche. Un esempio? Molti fiumi cinesi e indiani – dicono gli esperti – non arrivano più al mare, si stanno prosciugando dopo uno sfruttamento eccessivo. Il crescente aumento di domanda idrica sta infine generando contrasti tra Stati e spingendo verso la privatizzare delle fonti idriche in virtu’ degli enormi profitti che si possono ottenere dalla vendita del prodotto acqua sempre piu’ scarso.

 




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi