L’inchiesta – Io che ho respirato il plutonio *





La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


28.7.2006 Centro Enea della Casaccia (Lazio): viene segnalata la contaminazione di un dipendente Enea comandato in Sogin (la Societa gestione impianti nucleari) impegnato nelle operazioni di bonifica nel reparto nucleare denominato delle ‘scatole a guanti’. Successivamente e’ stata segnalata la contaminazione di ulteriori sei lavoratori impegnati nella medesima attivita’.

01.11.2006 Centro Enea della Trisaia di Rotondella (Basilicata) :
il direttore del Centro Enea della Trisaia di Rotondella da notizia ai dipendenti di aver ricevuto un’informativa da parte della Sogin di una contaminazione radiottiva in area circoscritta facente parte del sito ITREX. La divulgazione della notizia di contaminazione radioattiva ha determinato l’allarme delle associazioni ambientalista, del Tribunale per i diritti del malato-Cittadianza attiva e tra i lavoratori della Trisaia.

27.11.2006 Centro nucleare EUREX di Saluggia:
La Sogin viene auorizzata a trasferire il combustibile nucleare dal deposito Eurex al deposito Avrogado sempre di Saluggia. Motivo: perde la piscina del deposito Eurex di Saliggia dove sono stoccate le barre di uranio. Lo svuotamento della piscina Eurex e’ indispensabile e deve essere realizzato in tempi brevi. A Saluggia vengono raccolte 1800 firme tra la popolazione per chiedere al Governo l’annullamento dell’ordinaza in quanto l’Avogadro, dicono, e’ privo di autorizzazioni e da tempo fuori norma.

In Italia le centrali atomiche fanno paura a venti anni dal referendum con cui la popolazione italiana ha detto no al nucleare. Finita l’era del commissario straordinario d’emergenza nominato nel marzo 2003, resta ancora il problema delle scorie. Siamo andati a verificare quali problemi provocano nelle zone dove sono presenti le centrali.




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi