L’inchiesta – L’incubo siciliano





', 'Italian Female');}};

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Carlo Cianetti è andato in una delle zone a massima pericolosità sismica del nostro Paese: la Sicilia orientale. E’ possibile che nei prossimi 45 anni in quell’area si verifichi un terremoto di enorme potenza, superiore a quello dell’Aquila e simile a quello che distrusse Messina nel 1908. Eppure proprio nella zona di Siracusa sorge uno dei poli petrolchimici più imponenti d’Europa, quello di Priolo. Un sisma forte potrebbe provocare un inquinamento disastroso. La protezione civile regionale e gli amministratori locali sono consapevoli dell’alto livello di rischio, eppure sono costretti ad ammettere che in tutta la Sicilia solo 1l 10% degli edifici pubblici e privati hanno caratteristiche antisismica. La messa in sicurezza costerebbe cifre immense e un piano pluridecennale a partire da ora, ma sembra che le priorità siano altre.




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi