L’inchiesta – KOSOVO, il conflitto congelato





La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Due bombe. Inizia così il nuovo anno a Mitrovica, in Kosovo.

E’ solo l’ultimo episodio di violenza in questo Paese che a febbraio festeggerà il primo anno d’indipendenza.

Le tensioni sono avvenuta nella città del nord del paese divisa storicamente tra serbi e albanesi.

Solo due mesi fa, altri due ordigni erano scoppiati invece a Pristina, la capitale nel sud del Paese. Obiettivo: l’International Civilian Office dell’Unione Europa. L’episodio è arrivato sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo per l’arresto di tre cittadini tedeschi, accusati dal Governo del Kosovo di essere spie e autori dell’attentato. Si è sfiorato l’incidente diplomatico prima che i tre fossero liberati.

In questo clima, a dicembre è iniziata EULEX, la più grande missione civile europea prevista per l’intero territorio del Kosovo e che è destinata ad aiutare i magistrati kosovari a riportare nel Paese lo Stato di diritto e porre fine, tra l’altro,

ai ripetuti e gravi episodi di violenza. Il più sanguinoso fu nel marzo 2004, quando disordini anti-serbi causarono 19 morti, 900 feriti e 4.000 profughi, oltre alla distruzione di 800 abitazioni e 35 edifici religiosi.

Nell’ultima esplosione di violenza, la notte tra il 2 e 3 gennaio 2009, una decina di persone sono rimaste ferite, compresi vigili del fuoco, una giornalista e un cameraman.

 NOTIZIE SUI BALCANI E SUL KOSOVO

www.osservatoriobalcani.org/
www.albanianews.it/index.php
www.ansa.it/balcani/
www.rtklive.com/

LA MISSIONE EUROPEA EULEX

www.eulex-kosovo.eu/

LA FORZA INTERNAZIONALE KFOR

www.nato.int/KFOR/
it.wikipedia.org/wiki/Kosovo_Force




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi