L’inchiesta – Camorra fuochi e veleni





La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Da un mese l’Agro aversano, dominio incontrastato del clan dei Casalesi, è sotto assedio. Il governo ha deciso l’invio di 500 soldati dell’esercito.
Per tre mesi affiancheranno i 400 poliziotti, carabinieri e guardie di finanza, già impegnati sul territorio. Obiettivo: catturare gli ultimi esponenti del clan più feroce e sanguinario della camorra campana e ristabilire il controllo dello Stato sul territorio.

Ma mentre le forze dell’ordine danno la caccia ai latitanti e l’esercito presidia gli impianti di trattamento e di stoccaggio dei rifiuti, riclassificati obiettivi militari e strategici, nelle campagne continuano senza sosta i roghi di rifiuti tossici e speciali che riempiono l’aria di fumi neri e diossina.

Segno che il traffico illecito di rifiuti, vero core business della camorra, è più vivo e prospero che mai. E che la criminalità organizzata, lungi dal sentirsi intimorita, si fa anzi ogni giorno più sfacciata. Scarichi di materiale illecito e roghi si sono moltiplicati nelle ultime settimane.

Lo dimostrano le decine di video-denunce raccolte quotidianamente dai volontari dell’associazione www.laterradeifuochi.it e l’alto numero di chiamate ai vigili del fuoco da parte di cittadini preoccupati.

Tutto questo su un territorio che da anni ormai fa parte delle cosiddette “zone di interesse nazionale” dove le uniche attività ammesse per legge sono la bonifica e il ripristino ambientale del suolo. Di fronte allo scempio quotidiano che si consuma nell’indifferenza di chi dovrebbe far rispettare la legge, alcuni cittadini di Marcianise, di Villaricca e di Giugliano si sono auto organizzati in ronde, per cercare di arginare il fenomeno.

La buona notizia è che da qualche giorno, per decreto, gettare abusivamente rifiuti di qualunque genere in Campania è diventato reato penale. Una misura che forse potrà scardinare le cattive abitudini consolidate da decenni di malgoverno, ma che difficilmente fermerà i trafficanti di veleni.




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Report – Lo Stato dei concorsi

Oggi i concorsi son tutti bloccati dai ricorsi ai tribunali amministrativi e adesso anche dalle indagini giudiziarie

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi