L’inchiesta – AZERBAIJAN, le vie del gas e del petrolio





La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


L’Azerbajian per l’Europa è la porta che dà accesso alle grandi riserve di gas e petrolio del Mar Caspio.
Elio Ruggeri, capoprogetto del settore sviluppo idrocarburi per la Edison, spiega: “L’Azerbaijan oggi è al centro di una grande partita, gli osservatori internazionali lo chiamano il “big game” per assicurarsi l’accesso alle riserve energetiche del centro Asia”. E tra i concorrenti in lizza indica la Russia, che “ha la necessità di aumentare le proprie importazioni per mantenere stabili le esportazioni e garantire la crescita del mercato domestico”, la Cina che, come l’India, si prepara a far fronte al fabbisogno legato ai tassi di crescita in aumento, e l’Europa.

Anche l’Italia partecipa a questa gara con l’Eni che, insieme ad Exxon, Total e Shell, partecipa all’estrazione del petrolio dei pozzi di Kashagan in Kazakistan, e con la Edison.

L’Azerbaijan è un Paese tradizionalmente laico: è stato il primo paese islamico democratico, è stato il primo paese che ha prodotto industrialmente il petrolio. Il centro della capitale Bakù sembra il centro di una capitale europea con gli stessi negozi e gli stessi prezzi. Ma le apparenze ingannano e il grande gioco non si presenta semplice, soprattutto da quando un nuovo concorrente è entrato in campo: la jihad islamica.

Il ruolo di questo giocatore inedito e le implicazioni legate alla sua entrata in gara.

 




Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi