Diossina: per saperne di più





diossina

Cosa si intende con il termine “diossine”?
Le diossine costituiscono un gruppo di prodotti chimici. Il loro nome scientifico è “composti aromatici policlorati”; hanno struttura, proprietà fisiche e chimiche analoghe. Non si tratta di composti creati volutamente, le diossine si formano in seguito a processi chimici: fenomeni naturali (come eruzioni vulcaniche, incendi boschivi) o di origine umana (fabbricazione di prodotti chimici, pesticidi, acciaio, pitture, emissioni di gas di scarico e inceneritori…).

Per questo le diossine non possono essere “proibite”: sono un sottoprodotto indesiderato dell’attività industriale.
I diversi composti che rientrano nella famiglia delle diossine sono circa 210, dei quali 17 presentano rischi per la salute.
Alcuni tra gli appartenenti a un altro gruppo di prodotti chimici, i PCB (policlorobifenili), sintetizzati per uso industriale, presentano rischi per la salute simili a quelli provocati dalle diossine e sono quindi frequentemente qualificati come “PCB diossinasimili”. Il loro uso è stato molto ristretto per legge, ma sono ancora presenti come inquinanti.  
 

In che modo l’uomo può essere esposto alle diossine?
Le diossine si trovano nell’atmosfera, nell’acqua e nel suolo, in alcuni alimenti. L’uomo può essere esposto alle diossine lavorando in settori industriali nei quali queste sostanze rappresentano dei sotto-prodotti, oppure per eventi accidentali sempre legati all’industria, o tramite prodotti alimentari di origine animale; nell’insieme, il contatto cutaneo e l’inalazione rappresentano vie di esposizione molto limitate. L’assorbimento principale avviene attraverso gli alimenti contaminati.
Le diossine infatti non sono solubili nell’acqua, ma sono molto solubili nei grassi. Di conseguenza si legano ai sedimenti e ai materiali organici nell’ambiente e vengono assorbite dai tessuti grassi umani e animali. Inoltre non sono biodegradabili, per cui possono accumularsi nella catena alimentare.

Quali effetti sulla salute ha il consumo di alimenti contaminati da diossina?
Le diossine hanno una serie di effetti tossici e biochimici; alcune di esse sono incluse tra le sostanze cancerogene per l’uomo. Test su animali da laboratorio hanno mostrato un legame tra l’assorbimento di diossine e disturbi della salute come l’endometriosi (problema a carico dell’utero), problemi dello sviluppo, disturbi neurologici, problemi dell’apparato riproduttivo (calo del numero di spermatozoi, malformazioni), effetti sul sistema immunitario. Questi effetti possono comparire a livelli di esposizione alla diossina nettamente inferiori a quelli che provocano l’aumento del rischio di tumori.

In che modo le diossine entrano nella catena alimentare?
Le diossine possono entrare nell’alimentazione attraverso diverse vie. La contaminazione dell’ambiente è causata principalmente dal trasporto nell’atmosfera e dalla ricaduta al suolo di emissioni provenienti da fonti diverse (incenerimento di rifiuti, industrie chimiche, traffico e via dicendo). Fonti di inquinamento particolari possono creare aree localizzate dove la contaminazione è maggiore.
Il suolo costituisce un luogo di accumulo naturale: oltre alle ricadute atmosferiche, le diossine possono accumularsi a causa di fanghi di depurazione, discariche non controllate, erosione da zone contaminate.
Il trasporto atmosferico e la ricaduta sono la principale fonte di inquinamento di verdure a foglia, di pascoli e di foraggio. Le foglie sono poi consumate direttamente dagli animali al pascolo o conservate per produrre fieno o insilati (alimenti per bestiame conservati in appositi silos). L’utilizzo di fanghi come concimanti può in alcuni casi aumentare l’esposizione alla diossina degli animali.
Le diossine si concentrano nei tessuti grassi di bovini, ovini, suini, pollame e frutti di mare. In linea di massima, più è lunga la durata di vita dell’animale, più è facile che le diossine si accumulino nel suo organismo.

Quali sono gli alimenti più a rischio?
In generale, gli alimenti di origine animale contribuiscono tutti insieme all’80% dell’esposizione umana globale alle diossine. La contaminazione può variare molto a seconda dell’origine degli alimenti. La carne, le uova, il latte e derivati, il pesce di allevamento possono avere livelli di diossina superiori a causa della diossina presente nei mangimi.
La dose di diossina assorbita individualmente varia molto a seconda del tipo di alimentazione seguito. Per esempio una dieta incentrata su un solo tipo di cibo proveniente da zone molto inquinate (come il pesce del Baltico) comporterà un esposizione maggiore di una dieta ricca di cibi di origine vegetale e in generale molto variata.

Quali consigli pratici si possono dare per ridurre il più possibile l’assorbimento di diossina?
Come abbiamo visto, il problema è generalizzato. Non si tratta quindi di escludere questo o quell’alimento, ma di organizzare bene la propria dieta quotidiana.
In linea di massima, i consigli che si possono seguire sono gli stessi che rendono in generale più salubre la propria alimentazione:

  • ridurre il consumo di alimenti di origine animale (carne, latticini, uova), privilegiando verdura e frutta, legumi (fagioli, piselli, lenticchie, ceci) e cereali (pasta, riso, mais);
  • variare la propria dieta, in modo da introdurre tanti alimenti diversi.

Dato che le diossine si accumulano nei grassi è bene inoltre cercare di mantenere il peso forma.





Leggi anche:

Libertà di cura: una scelta europea – Convegno a Firenze

Nell’attuale clima di tensione e pensiero unico nel campo della medicina e della salute, è necessario lasciarsi alle spalle le battaglie ideologiche

Bordetella Hominis e vaccini anti-pertosse

E' riduttivo e fuorviante continuare a chiamare Bordetella Pertussis un batterio che, oltre alla pertosse del Bambino, produce nell'Adulto molte altre malattie invalidanti

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi