Eco-Guida dei prodotti elettronici






Greenpeace ha pubblicato la nuova Eco-Guida ai prodotti tecnologici aggiornata al 30 settembre 2009.

I due criteri seguiti per l’elaborazione dell’Eco-guida riflettono le richieste della Campagna Inquinamento verso le aziende dell’elettronica, ovvero di:

* Eliminare le sostanze pericolose dai propri prodotti, fra cui tutti i ritardanti di fiamma bromurati, la plastica in PVC, gli ftalati, il berillio – incluso leghe e composti, e antimonio – incluso composti a base di antimonio.
* Adottare il principio di responsabilità del produttore, che richiede all’azienda la gestione finanziaria dei rifiuti elettronici e quindi l’onere del produttore di ritirare e riciclare i prodotti in disuso in tutti i paesi dove sono sul mercato.

Inoltre, viene assegnato punteggio anche in base all’uso o meno di plastica riciclata nei prodotti di consumo e al relativo impegno entro cui aumentarne il contenuto.

Può servire a poco, ma personalmente ritengo che in fase di acquisto, sono parametri che una persona dovrebbe comunque tenere in considerazione.

LA CLASSIFICA*:

1) Nokia (7,5/10) – resta al primo posto con un buon punteggio sull’eliminazione di sostanze tossiche, efficienza energetica e riciclaggio;

2) Samsung (6,9/10) – mantiene il secondo posto con un buon punteggio complessivo generale: sostiene un forte accordo globale per salvare il clima;

3) Sony Ericsson (6,5/10) – mantiene il terzo posto grazie all’impegno nell’eliminazione di sostanze tossiche e nell’efficienza energetica;

4) Philips (5,9/10) – è ben piazzata nell’eliminazione di sostanze tossiche e nell’efficienza, ma deve lavorare di più sul riciclaggio dei rifiuti elettronici;

5) Toshiba (5,7/10) – migliora leggermente il suo punteggio grazie a una migliore rendicontazione sui tassi di riciclaggio dei prodotti.

6) Motorola (5,3/10) – segna il passo rispetto a competitori come Nokia e Sony Ericcsson nell’eliminazione di sostanze tossiche e nell’efficienza;

7) Sharp (5,1/10) – deve migliorare sui criteri relativi allo smaltimento di rifiuti elettronici e nella rendicontazione dell’efficienza energetica;

8) Sony (5,1/10) – balza dal dodicesimo al ottavo posto con miglioramenti sulle politiche per sostanze chimiche e rifiuti elettronici;

9) Apple (4,9/10) – sale dall’undicesimo al nono posto e diventa il produttore di PC più progredito, rimuovendo le sostanze tossiche dai suoi prodotti. Può migliorare nella gestione dei rifiuti e sul versante dell’energia;

10) Panasonic (4,9/10) – resta al decimo posto: la maggior parte del punteggio è nel settore dell’energia, ma crolla sui criteri relativi ai rifiuti elettronici;

11) LG Electronics (4,7/10) – precipita a causa della penalità sul ritardo nell’eliminazione di sostanze tossiche;

12) Dell (4,7/10) – migliora il punteggio ma incassa una penalità per aver rimandato a data non definita gli impegni per l’eliminazione di sostanze tossiche;

13) Acer (4,5/10) – perde punti per i pochi prodotti che eccedono i nuovi standard di efficienza energetica (5 syelle); scarso anche nei criteri di riciclaggio di rifiuti elettronici;

14) HP (4,5/10) – resta al quattordicesimo posto ma perde il punto di penalità grazie alla recente immissione sul mercato del suo primo prodotto senza sostanze tossiche;

15) Microsoft (2,7/10) – migliora leggermente ma resta alla quindicesima posizione con scarso punteggio su rifiuti elettronici ed energia;

16) Fujitsu (2,7/10) – migliora leggermente ma deve fare meglio in tutti i settori;

17) Lenovo (2,5/10) – nessun miglioramento e mantiene la penalità per aver rimandato a data non definita gli impegni per l’eliminazione di sostanze tossiche;

18) Nintendo (1,4/10) – aumenta il punteggio ma resta ultima: le emissioni di gas serra continuano ad aumentare.

* A parità di punteggio, in classifica, i marchi che totalizzano più punti sui criteri chimici si posizionano prima: se un’azienda elimina le sostanze chimiche pericolose i suoi prodotti non diventeranno rifiuti tossici, quindi la gestione dei rifiuti diventa più semplice.

Qui trovate il documento ufficiale, oppure potete scaricarlo da qui

Fonte

 




Leggi anche:

L’epidemia vera non è quella per cui vendono i vaccini!

La differenza sta nella nostra libertà: ancora possiamo reagire, parlare, lottare, contrastare questi poteri. E abbiamo il dovere di farlo.

Una mamma vegana alla sua bambina

Il tuo impatto ambientale sarà molto più leggero su questa fragile terra.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi